E dopo l’evoluzione delle manifestazioni fieristiche in formato virtuale e attraverso piattaforme digitali, anche le case di moda approcciano questa modalità lanciando le prossime collezioni direttamente online.

Tra i primi italiani a sperimentare è Valentino, annuncio riportato, qualche giorno fa, in un articolo di Vogue.

La  maison presenterà la collezione Haute Couture autunno/inverno 2020/21 il prossimo 8 luglio attraverso un online special show ideato dal direttore creativo Pierpaolo Piccioli. Il messaggio principale che Piccioli vuole lanciare è di rinascita dopo il periodo buio che abbiamo vissuto e, che sembra ancora non essere del tutto passato, puntando su caratteristiche di grazia e leggerezza.

Ricordiamo che il re Giorgio Armani aveva già chiuso le porte durante l’ultima sfilata lo scorso febbraio, proseguendo poi con decisioni sagge sul nuovo modo di vedere la moda. La richiesta di rallentare i ritmi, condannando il fast fashion è avvenuta tramite la pubblica dichiarazione, in formato epistolare, lo scorso aprile.

A seguire altri grandi nomi si sono associati al pensiero di rivedere l’attuale sistema moda come Alessandro Micheli da Gucci che dichiara di voler tornare a presentare solo due collezioni l’anno e, ancora, Thom Browne, Dries Van Noten, Altuzarra, Tory Burch, Erdem Moralioglu e Gabriela Hearst, i quali sono anche i partecipanti della lettera aperta, consultabile online, rivolta al industria del fashion, che ha il principale intento di rivedere il sistema moda dall’interno e la stagionalità delle collezioni.

Oltre stivale, invece, merita una nota di merito Carine Roitfeld che ha lanciato lo scorso 1 maggio CR Runway, la prima sfilata di moda digitale in supporto agli interventi per il Covid-19. L’innovazione è stata nel far sfilare le modelle nelle proprie case trasformate in passerelle, top model da tutto il mondo che sono state preparate e racchiuse in 30 minuti di video online.

Anche Chanel ha presentato, le scorse settimane, la cruise collection, dichiarando però, l’intenzione di voler mantenere live i prossimi appuntamenti.

Regna ancora l’incertezza e decisioni contrastanti dalle grandi firme fino alle più piccole realtà, c’è ancora tanto da rivedere e non sarà facile cambiare sistemi affermati negli anni.

Ma rimanete connessi per i prossimi aggiornamenti fashion!

error

Enjoy this blog? Please spread the word :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: