Crescono gli stipendi nella filiera moda, ma non per i dirigenti. Il 2018 è stato un anno positivo per il settore moda e lusso, con un incremento del fatturato del +2.1% (che segue il +2.3% del 2017) , trainato soprattutto dalle esportazioni . Tuttavia , la filiera si posiziona sotto la media nazionale in termini di retribuzioni, con una RAL media compresa fra i 27 e i 28 mila euro lordi annui . Inoltre , il numero di aziende e di addetti nel settore, per la prima volta dopo diversi anni , è calato .

Badenoch & Clark , azienda specializzata nel recruiting di figure manageriali ed executive , in collaborazione con Job Pricing, ha realizzato , in occasione della settimana della moda , la prima indagine completa sulle retribuzioni del comparto su oltre 400.000 osservazioni , che raccoglie informazioni sul Ral , quota variabile , dati per settore di una delle filiere più importanti per l’economia del Paese .

La filiera che include i settori moda lusso , tessile , abbigliamento ed accessori , a confronto con il resto del settore manifatturiero, evidenzia indicatori di mercato in continua e più significativa crescita .

Le retribuzioni dei due settori legati all’ambito della moda sono cresciute nel 2018 rispetto al 2017 , anche sopra la soglia dell’inflazione dell’1.1% . Nonostante ciò, i dirigenti sono l’unica qualifica in calo retributivo costante.

All’interno della filiera , le retribuzioni medie più elevate sono legate al settore della moda e lusso in tutte le qualifiche contrattuali. Fra i dirigenti e quadri le retribuzioni settoriali sono inoltre superiori a quelle medie nazionali, di oltre il 13% nel settore tessile , di oltre l’8% nel Moda e Lusso .